> Decorare la casa: il sito della decorazione:.

il sito sulla decorazione d'interni con guide, esempi, idee...
 
:: Il finto marmo - la tecnica  

Imitazione dei materiali - la tecnica del finto marmo
Si può far risalire la storia del dipinto e delle decorazioni murali all'epoca degli uomini delle caverne, che ritraevano momenti di vita quotidiana sulle pareti delle loro abitazioni. Il trompe l'oeil, e con esso le imitazioni dei materiali, furono probabilmente inventati nell'antica Grecia. Tuttavia, lo sviluppo di questa tecnica venne effettuato dai Romani, per aumentare la sensazione di spazio nelle stanze e creare illusioni fantastiche con l'architettura teatrale.

Trompe l'oeil significa "inganno dell'occhio". Un abile artista è in grado di far credere all'osservatore che una superficie piatta in realtà non lo è, o che un colonnato sia fatto di marmo ma in realtà è di cemento. Con il trompe l'oeil ci si illude di vedere una finestra aperta con vista sul mare, un paesaggio toscano, una nicchia con degli oggetti ecc..
Questa tecnica ha portato inevitabilmente ad imitare i materiali più svariati come marmo, cotto, granito, lapislazzuli, pietre e addirittura il legno nelle sue gradazioni di colore e venature.
Per poter imparare le tecniche di imitazione dei materiali vi basterà come primo esercizio visitare i musei, le biblioteche, i palazzi storici e loro sale; lì vi troverete un'infinità di materiali da imitare!! In alternativa si trovano facilmente immagini su internet o sui manuali di decorazione o, ancora meglio, è possibile recuperare campioni di materiali, come marmo, legno, cotto ecc..nei negozi specifici, in modo tale da avere una visione reale del prodotto da dipingere.

IMITAZIONE DEL FINTO MARMOimitazione finto marmo
La tecnica di imitazione del finto marmo risulta essere senz'altro quella maggiormente utilizzata: basti pensare ai colonnati, alle nicchie, alle zoccolature, alle scale, alle pareti o ai caminetti, ma anche... mobili, cornici e oggetti di tutti i tipi.
Il finto marmo viene utilizzato per abbellire sia case classiche che moderne nelle sue varietà e gradazioni di colore, sia sfruttando le tinte presenti in natura (dal marmo rosa di Verona al Travertino, dal verde al nero o bianco di massa carrara ecc..) che realizzando colorazioni di pura fantasia (come rosa e azzurro bebè, lilla, arancio ecc...).

Come realizzare un marmo rosato: FASE1 Preparazione della superficie. Assicurarsi che la superficie da decorare sia pulita e in buono stato. Nel caso di muri vecchi e umidi, è necessario eseguire un intonaco, seguito da uno strato di cementite e pittura antimuffa di base. I mobili o le porte devono essere carteggiati, stuccati se necessario e sottoposti all'applicazione di una base di cementite.
I colori da usare per imitare un marmo rosato sono: grigio caldo, bianco titanio, rosso Marte, terra d'ombra naturale.
Il segreto è effettuare sovrapposizioni continue di colore più o meno diluito, seguite dalla realizzazione di sfumature e venature finali.
FASE 2 Preparazione del colore e decorazione. Con una pennellessa molto umida e morbida si eseguono sulla superficie da trattare delle striature irregolari di grigio sia nella forma che nel colore. Attendere che il colore si asciughi, poi, con una pennellessa pulita e inumidita, si bagna tutta la superficie con il colore successivo.
Miscelare terra d'ombra, bianco e rosso marte in parti uguali (1:1:1). Il colore così ottenuto viene distribuito in modo da ottenere sempre striature irregolari, utilizzando un pennello poco più piccolo del precedente, e cercando di riprendere l'andamento del grigio sottostante.
Prima che il colore si asciughi completamente, creare delle zone alternate e discontinue con una spugnetta bagnata, così da rimuovere dolcemente parti di colore in eccesso. Le striature non devono essere troppo rettilinee. Si corregge questo "difetto" sempre con una spugnetta bagnata. Generare di nuovo effetti di trasparenza distribuendo il colore molto diluito con più sovrapposizioni di colore e direzione delle striature.
FASE 3 Decorazione finale
L'aggiunta del bianco nella fase finale è importantissima. Spesso è quella che determina l'illusione dell'occhio e quindi l'imitazione del nostro materiale. E' qui che si vede il vero artista. Con uno o più pennelini di diverse misure, si eseguono venature e macchie velate, trasparenti e sfumate, utilizzando un bianco molto diluito. Anche in questo caso il segreto è la sovrapposizione delle venature per dare l'effetto di "profondità" e "robustezza" del marmo. Naturalmente si possono realizzare marmi molto delicati o soft, e marmi più particolareggiati, in base alla tipologia di ambiente o superficie che vogliamo trattare, o anche semplicemente in base al gusto. E' sempre bene avere dei campioncini di materiali veri da copiare.

Applicandosi, studiando la tecnica e ricercando l'animo di artista che c'è in ognuno di noi...chiunque ha le potenzialità per imitare un materiale e abbellire la propria casa.

Elena SalianiElena Saliani
www.artdecorations.splinder.com
elena.saliani@alice.it


:: NAVIGATION :.

:: Site News :.

Italy trompe l'oeil

:: Link consigliati :.
Decorare la casa con cornici in gesso
bioedilizia
finto marmo
foglia argento
 
^TOP : Home : Découpage : Tecniche di tinteggiatura: Stucchi decorativi : Decorazioni foglia oro : Links : Contatti
All Content © 2006